Notizie: quale effetto hanno sul nostro stato d’animo

Le notizie di qualità sono quelle che rispettano fortemente il lettore. Perché, oggi, non possiamo più prescindere dall’effetto che le notizie hanno sul nostro stato d’animo.

E allora partiamo da una domanda importante: Cosa succede alle nostre emozioni quando leggiamo le notizie? Assunta Corbo, giornalista e founder del nostro network, ne ha parlato con la psicoterapeuta Sonia Monticelli.

Durante l’intervista si sono affrontati molti temi interessanti e utili per poterci avvicinare alle notizie nel modo più costruttivo possibile. “Quello che leggiamo determina il nostro stato d’animo ma influisce anche su come noi viviamo la nostra quotidianità” afferma Sonia Monticelli.

Le notizie negative e il loro effetto sulle emozioni

Esistono delle notizie che possono influire in modo più importante sul nostro stato d’animo: sono quelle negative. Queste, hanno un tale potere che finiscono per farci quasi desiderare di avere ragione a pensare che il mondo non sia affatto un luogo piacevole. Si parla, in questi casi, di bias di conferma. Cerchiamo in quello che leggiamo l’approvazione rispetto a quello che pensiamo.

Quando si tratta di notizie brutte, finiamo per alimentare uno stato d’animo negativo, nervoso e stressato. Attiviamo, in questi casi, il cortisolo, l’ormone dello stress. Utile in una vera situazione di pericolo ma meno funzionale in una situazione – come quella delle notizie – in cui il pericolo è raccontato ma non percepito “è come se quell’ormone non avesse spazio di uscita. L’alternativa per lui è quella di attivare una sorta di dipendenza da quelle notizie”.

Il problema, quindi, non è la singola notizia negativa ma è l’abitudine alle notizie che generano sentimenti di paura, stress, frustrazione e rabbia.

Abbiamo bisogno di notizie buone allora?

Non è così e Sonia Monticelli spiega il perché: si tratta comunque di escludere una parte della realtà. Il mondo là fuori non è fatto solo di belle storie e buone notizie. “Vorrebbe dire negare le fatiche che riguardano tutti noi”. Le buone notizie, afferma Monticelli, possono comunque generare uno stato d’animo negativo per qualcuno. Esse, infatti, ci restituiscono l’immagine di un mondo perfetto che non corrisponde alla realtà che vediamo ogni giorno: fatta di imperfezioni e situazioni da risolvere.

Quale può essere, allora, la soluzione? “Dobbiamo imparare a essere lettori critici cercando di unire lo sguardo di speranza costruttiva con le notizie che ci fanno comprendere il mondo”.

Guarda l’intera intervista di Assunta Corbo a Sonia Monticelli. E poi raccontaci cosa ne pensi.

Constructive Network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *