Giovani e internet: crescere con la rete in modo costruttivo

I giovani sono costantemente connessi alla rete tramite smartphone e tablet. L’iper utilizzo di device, il confronto con un numero elevato di stimoli, ma anche di occasioni di
giudizio, a cui si collega a una fruizione fatta per lo più da soli, ha comportato anche l’emergenza di fenomeni delicati e a tratti allarmanti. Si pensi al cyberbullismo.

In Italia i Neet – giovani tra i 15 e i 29 anni che non studiano e non lavorano (Not in
Education, Employment or Training) – sono circa 2,2 milioni (dati del 2016) e rappresentano il 24.3% della popolazione. Si tratta della quota più alta di tutta l’Unione Europea. Il fenomeno assume entità differenti a seconda del territorio di riferimento: al Nord sono il 16.7%, al Centro sono il 19,7% e al Sud arriva al 34%. In termini di produttività, questa situazione pesa sul nostro Paese 21 miliardi di euro (l’1,3% del Pil).

ValoryApp: la start-up che pensa alla relazione tra i giovani e internet

In questo contesto attuale ben chiaro e definito, si inserisce ValoryApp, start-up innovativa a vocazione sociale che offre servizi innovativi di supporto alla crescita personale e professionale dei giovani attraverso una piattaforma digitale ideata ad hoc per giovani dai 14 ai 29 anni.

“Si tratta del primo social responsabile supportato costantemente da un team di professionisti a disposizione dei ragazzi per un orientamento personalizzato. Mediante attività coinvolgenti all’interno dell’App e la partecipazione ad eventi “live” i giovani verranno aiutati a trovare i percorsi di apprendimento e orientamento più adatti a sviluppare una maggiore consapevolezza delle loro abilità e della loro vocazione, con l’obiettivo di contribuire a migliorare il loro benessere e ad avviarli con successo al mondo del lavoro, valorizzando le loro passioni – dichiara Simona Dell’Utri, fondatrice di ValoryApp.

La piattaforma digitale, la prima del suo genere in Italia si configura come un’App e vuole essere un luogo di interscambio di riferimento per le nuove generazioni, in cui trovare idee, suggerimenti e consigli personalizzati per valorizzare le proprie passioni e interessi; confrontare le proprie storie con quelle dei coetanei; partecipare a contest collegati
allo sviluppo di percorsi professionali e professionalizzanti. Al suo interno è possibile anche trovare un supporto di professionisti psicologi disponibili a supportarli e motivarli, aiutandoli a incrementare la fiducia in se stessi e negli altri.

Mariangela Campo, una delle co-founder del nostro Network, ha intervistato Simona Dell’Utri per farsi raccontare la relazione tra i giovani e internet e il progetto ValoryApp

Constructive Network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *