Brand Journalism: uno strumento che trasmette valori

Noi siamo il brand di noi stessi ma, più semplicemente, “noi siamo”. Come si esplicita questa affermazione, cosa significa percepire il proprio sé come unicità di prodotto e di esistenza? Quando decidiamo di comunicare qualcosa di afferente al nostro io non dobbiamo mai dimenticare di essere autentici e coerenti con la nostra essenza, con la nostra Mission e la nostra vision. Il Brand journalism è lo strumento che ci permette di trasmettere i nostri valori donando al lettore/utente un’informazione duratura, sincera, credibile e utile.

Brand Journalism o giornalismo d’impresa, è quella tecnica comunicativa che utilizza gli stili giornalistici per raccontare non una notizia, ma un brand. In questo caso il focus si sposta dalla vendita di un prodotto, tipico della pubblicità tradizionale, alla conoscenza del marchio, del brand, sotto la “protezione” deontologica giornalistica. Se è vero che la specializzazione è fondamentale per raggiungere nicchie di mercato, diventare influenti e costruire un business solido, è altrettanto certo che essa rappresenti un numero finito di possibilità nell’universo; al contrario, l’essere umano in quanto tale, è unico e non replicabile. Comunicare ciò che siamo informando sui nostri valori e sui nostri scopi, permetterà quindi agli altri individui di sceglierci per ciò che siamo e non per ciò che facciamo.

La forza del brand journalism sta proprio nella genuinità dell’informazione, nel non comunicare più “a 360 gradi” e per luoghi comuni, ma nel raccontare e nel narrare un’azienda, un’impresa (e noi stessi), per quello che è e che realizza, esattamente come i giornalisti fanno per un episodio di cronaca o di costume. Ogni strumento comunicativo (sito e social stessi) deve procedere in questa direzione.

Il Brand journalism costruttivo

Ulteriore garanzia di professionalità e qualità informativa per utenti e lettori è data dal Brand Journalism costruttivo; il professionista che adotta questa tecnica non andrà mai a promuovere un marchio per criteri e valori che non lo rappresentano. Fare giornalismo aziendale in modo costruttivo significa rispettare i manifesti del solutions journalism che, in Italia, sono ben rappresentati dal nostro Constructive Network.

Le storie e le narrazioni di impresa verranno quindi contestualizzate e anche i dati statistici saranno utilizzati come know how aggiunto e valoriale; il tutto senza sensazionalismi e dettagli poco pertinenti. Un’azienda o un libero professionista, dunque, che decide di affidare la sua comunicazione ad un brand journalist, può aspirare a diventare un punto di riferimento nel settore in cui opera e niente aumenta la Brand Awareness più di questo.

Il Brand Journalism, soprattutto il Brand journalism costruttivo, diventa, poi, un’opportunità anche per il professionista stesso. Utilizzare ed essere portavoce di questa tecnica comunicativa significa informare, comunicare approfonditamente, essere simbolo di coerenza e di unicità; oggi assistiamo sempre più di frequente ad un giornalismo composto di breaking news il cui scopo principale è quello di battere la concorrenza sul tempo favorendo il click-baiting a discapito della qualità dell’informazione.

Il Brand Journalism costruttivo si pone come soluzione alla comunicazione mass market; la libertà della divulgazione sta nella genuinità del contenuto.

Michela Trada
Latest posts by Michela Trada (see all)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *